Lo yacht di Aurelio De Laurentiis è andato a fuoco nel mare di Posillipo. Insieme al presidente del Napoli erano a bordo altre 11 persone, tra cui la moglie, il figlio Luigi e la nipote. Tutti sono stati portati in salvo e sono in buone condizioni. I soccorsi sono stati effettuati dalla Guardia Costiera e della Guardia di Finanza che hanno riportato al molo di Mergellina tutta la compagnia di De Laurentiis. 

L’incendio sullo yacht –  lungo 32 metri – è stato spento da un rimorchiatore giunto da Napoli. Sportmediaset ha riportato le prime dichiarazioni del patron del Napoli. “Fortunatamente è andato tutto bene. Non lo so cosa sia successo, è andata a fuoco tutta la barca. Forse un corto circuito. Se ci siamo spaventati? Chiunque al nostro posto si sarebbe spaventato”.

L’ex capitano della nazionale Fabio Cannavaro ha girato un video della barca in fiamme e l’ha postato su, Facebook, Twitter e su Instagram, senza sapere che la barca appartenesse a De Laurentiis.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma: Ama, lo specchio dell’Italia intera

next
Articolo Successivo

Sicilia, l’area archeologica di Megara Iblea distrutta dall’incuria e dai vandali

next