Rai sport va in alta definizione e si mangia lo spazio delle radio. E’ uno degli effetti collaterali (oltre alla necessità di risintonizzare i canali) seguiti alla riorganizzazione avviata dall’azienda tra il 13 e il 14 settembre. Il caso finisce di fronte alla commissione parlamentare di Vigilanza dove tra 15 giorni al massimo i vertici dell’azienda dovranno spiegare cosa è davvero successo e perchè, dato che non si tratta di un guasto e soprattutto nessuno, neppure i diretti interessati, erano stati avvertiti. Protestano infatti gli ascoltatori, ma le acque sono agitate soprattutto in casa Rai: le direzioni radiofoniche coinvolte non erano state avvisate ed è scattato subito l’allerta sulle reali intenzioni future dell’azienda per questo segmento di business. Il primo a chiedere conto è stato il presidente del gruppo Misto della Camera, Pino Pisicchio (nella foto) che, preso carta e penna, ha inoltrato una interrogazione a risposta scritta al presidente della Vigilanza Rai Roberto Fico del Movimento 5 Stelle.

I programmi del gruppo Rai sono diffusi attraverso differenti piattaforme tecnologiche e cioè la rete digitale terrestre diffusa da cinque Multiplex (Mux) e la rete satellitare digitale. L’operazione di riassetto ha salvato Radio 1,2 e 3 (che afferiscono al Mux 1 che diffonde anche Rai Uno, Rai Due, Rai Tre, Rai News 24 ), mentre gli altri canali radiofonici che invece si appoggiano al Mux 2 sono stati cancellati dal digitale terrestre televisivo. E questo in base a una nuovo assetto deciso dall’azienda madre, come si evince da un comunicato di Rayway. Quest’ultima società, proprietaria della rete di trasmissione e diffusione del segnale Rai, ha infatti dato conto della partenza ufficiale, il 14 settembre, del canale Rai Sport 1 HD “reso possibile attraverso interventi sulle proprie piattaforme DTT e SAT necessari ad assicurare la nuova configurazione dei multiplex individuata da Rai”.

Che non si sia trattato di un guasto, lo si era capito fin da subito – riferisce l’interrogazione di Pisicchio dando conto delle risposte che finora sono state fornite agli ascoltatori dal call center di Rayway – : “i segnali sono stati rimossi su indicazioni della Rai”, anche se non è noto da chi e soprattutto perchè sia partito l’ordine. Fonti di Viale Mazzini riferiscono che il problema verrà risolto nel giro di una settimana dopo di che basterà risintonizzare decoder o televisioni e si potrà tornare ad ascoltare i canali radiofonoci. Fatto sta che la riorganizzazione è stata fatta utilizzando tutti i Mux disponibili.

E forse la nuova taratura per ripristinare quello che è stato cancellato non basterà a fugare i dubbi sul futuro. Dubbi e sospetti che si intravedono in filigrana nell’interrogazione parlamentare che prende spunto dal caso dei canali radiofonici soppressi per liberare flusso dati per i canali televisivi anche HD. “Le proteste degli utenti – scrive Pisicchio –  si sono manifestate in modo particolarmente intenso per Radio 5, che non è ascoltabile in altro modo poiché viene trasmessa in FM solo in cinque città, e per Isoradio che non ha copertura nazionale. Gli utenti protestano perché il DTT è l’unico canale di ascolto per loro disponibile, poiché non dispongono o non possono sopportarne il costo di un ascolto web o sat, che inoltre risulta impossibile da gestire per utenti anziani o ipovedenti mentre il canale TV è più semplice, e alla portata economica di tutti”. Morale: Pisicchio vuole sapere al più presto da Fico “quali urgenti interventi i vertici Rai intendano effettuare per ripristinare la piena fruizione dei canali radiofonici”.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Golfo Aranci: lo spot elettorale con Mogol e la promessa del sindaco mai mantenuta

next
Articolo Successivo

Riforme, “ipotesi elezioni anticipate? Renzi rischierebbe più di quanto pensa”

next