Il suo nome d’arte è Baddie Winkle e su Instagram è una seguitissima nonnina di 86 anni. Non stiamo parlando solo di semplici selfie ma di una vera webstar tanto che recentemente è diventata testimonial di brand come DimePiece LA. Seguita da oltre un milione e mezzo di followers è una delle fashion icone più anziane del web.

Helen Van Winkle, questo il suo vero nome, originaria del Kentucky, con l’aiuto dei suoi nipoti e pronipoti è diventata in meno di un anno un punto di riferimento della moda: la sua prima foto postata su Instagram risale al mese di aprile del 2014. In una recente intervista rilasciata a Cosmopolitan.com dichiara: “Il successo sul web ha cambiato la mia vita. Vengo riconosciuta ovunque”.

Una nuova vita per Helen che ha scelto il suo nick con la famiglia. “La cosa più folle che ho fatto è andare in Canada per un meet and great, non ho mai fatto tante foto. C’erano ragazzi del college, erano circa 500, ci siamo divertiti un sacco, era dei ragazzi davvero educati”. Ironica, irriverente e solare, conquista ogni giorno con le sue foto migliaia di utenti nuovi. Anche Miley Cyrus la annovera tra le proprie fonti d’ispirazione. La celebre Baddie non si tira indietro quando si tratta di parlare anche di temi attuali: recenti sono le sue affermazioni a sostegno della legalizzazione delle droghe leggere.

Shorts, body in rete, cappellini da rapper le sue foto sembrano gridare “non si è mai troppo vecchi per fare qualcosa, fregatevene, siate voi stessi”. Sempre durante l’intervista di Cosmopolitan, Baddie Winkle risponde così alla giornalista che chiede quale sia il segreto del suo successo “Perché tutti vogliono che io sia il loro nonna! Vogliono anche essere come me quando arriveranno alla mia età. Sono in buona salute, sono in ottima forma e ho raggiunto una buona età [ride]. Penso che dovrei vantarmi di me stessa.” Come darle torto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mauro Vestri, morto l’attore di Fantozzi: fu il manager aguzzino della corazzata Potemkin

prev
Articolo Successivo

Lamberto Sposini torna alla carica: “Voglio dieci milioni di risarcimento dalla Rai”

next