L’ex assessore comunale di Roma Daniele Ozzimo (Pd) vuole uscire dal maxi-processo su Mafia Capitale. I suoi avvocati hanno chiesto infatti di procedere con il rito abbreviato. Secondo i legali Luca Petrucci e Danilo Leva dagli atti processuali si può “dimostrare l’assoluta estraneità dell’ex assessore Danilo Ozzimo dai reati a lui contestati”. Ozzimo era stato rinviato a giudizio con rito immediato nel processo con 59 imputati che inizierà il 5 novembre. Nel caso la richiesta fosse accolta la sua posizione verrebbe stralciata.

Anche Salvatore Buzzi, ex capo della cooperativa “29 giugno” e presunto braccio destro di Massimo Carminati, sta cercando di evitare il processo. Ieri, 2 settembre, aveva avanzato una nuova richiesta di patteggiamento: 3 anni e 9 mesi di reclusione e mille euro di multa. Per Buzzi è un secondo tentativo dopo quello, bocciato dai pm, dello scorso giugno nel quale chiedeva una condanna a 3 anni e 6 mesi. Tre mesi fa Buzzi ha avviato un percorso di collaborazione con gli inquirenti che lo hanno ascoltato in cinque interrogatori. Le sue dichiarazioni però non sembrano aver convinto gli inquirenti, che giudicano non credibili e omissive le sue ricostruzioni. Anche per questo secondo tentativo le speranze di ottenere il via libera dai magistrati sembrano poche perché, secondo fonti citate dalle agenzie di stampa, la Procura (il cui parere è vincolante) sarebbe intenzionata a respingere la richiesta.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mafia capitale, Buzzi chiede di patteggiare 3 anni e 9 mesi di carcere

next
Articolo Successivo

Omicidio Meredith Kercher, Cassazione: “Clamorose defaillance nell’inchiesta”

next