“Ero su una collina e stavo facendo delle foto. A un certo punto, sono arrivati dei soldati, mi hanno circondato, sono scivolato e mi sono saltati addosso, nonostante non avessi fatto assolutamente niente. Mi hanno accusato di aver tirato pietre. Poi hanno picchiato per tre volte”. E’ il drammatico racconto reso ai microfoni di Rai News da Vittorio Fera, l’attivista italiano di 31 anni arrestato venerdì scorso dall’esercito israeliano a Nabi Saleh, in Cisgiordania. Fera è stato rilasciato lunedì dal Tribunale di Gerusalemme su “cauzione ed un prolungamento delle indagini fino al prossimo 8 settembre”. “Mi hanno picchiato una prima volta quando mi hanno circondato in sette” – racconta l’attivista – “poi quando mi hanno portato via, dietro la Jeep, in modo che la gente non potesse vedermi. Mi hanno picchiato col calcio del fucile e dandomi calci e pugni. Quando sono arrivato alla base militare, mi hanno malmenato di nuovo, tenendomi per 6 ore legato e imbavagliato. Fermo, senza poter avere nessun diritto”. E aggiunge: “Sono stato poi portato alla stazione di Polizia dove ho potuto parlare solo una volta col mio avvocato e sono stato messo in una stanza fino al giorno dopo. Non mi hanno assolutamente concesso nessun diritto, neppure la possibilità di cambiare gli abiti”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Azerbaigian, sette anni e mezzo di carcere alla giornalista anti-corruzione. In Italia il magayacht (statale) del presidente

prev
Articolo Successivo

Migranti, “Germania ‘apre’ ai siriani ma chiede garanzie a Ue su chi viene da Mediterraneo e Balcani”

next