Enric e Rossella hanno passato 270 giorni nelle mani dei sequestratori. 270 giorni di prigionia che hanno segnato le loro vite. Oggi, a tre anni di distanza dalla liberazione, la cooperante sarda Rossella Urru e lo spagnolo Enric Gonyalons hanno annunciato le loro nozze. Lei era stata rapita assieme a due colleghi spagnoli il 23 ottobre del 2011 dal campo profughi di Tindouf, nell’Algeria del nord. Il sequestro era stato rivendicato da un gruppo di dissidenti dell’Aqmi, il “Movimento Unito per la Jihad in Africa Occidentale”, riconducibile ad Al Qaeda.

Il matrimonio con Enric è fissato per sabato 1 agosto e sarà celebrato nel paese natale della cooperante trentatreenne, Samugheo, in provincia di Oristano, nella chiesa parrocchiale che nei lunghi mesi della sua prigionia ospitò tante giornate di preghiera per la sua liberazione.

Rossella Urru e Enric Gonyalons, che operavano nello stesso campo profughi ma per due associazioni diverse, erano stati liberati il 18 luglio del 2012 assieme a un terzo compagno di prigionia, Ainhoa Fernandez de Rincon, anche lui spagnolo. Dopo alcuni mesi di riposo, Rossella aveva ricominciato a lavorare nel mondo della cooperazione internazionale.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pompei, assemblea sindacale ‘selvaggia’ era autorizzata da giorni. Soprintendente stupito? Diede ok. Ecco il documento

next
Articolo Successivo

Costa Concordia, la ‘verità’ di Schettino

next