È stato firmato a Palazzo Chigi l’accordo tra Whirlpool, sindacati e governo sul piano industriale del gruppo in Italia. La multinazionale americana degli elettrodomestici che ha acquisito gli ex siti Indesit investirà 513 milioni di euro nei prossimi quattro anni. L’intesa, raggiunta il 2 luglio al termine di cinque mesi di trattative al ministero dello Sviluppo economico, esclude la chiusura di stabilimenti ventilata dal gruppo in aprile, quando erano stati minacciat 1.350 esuberi saliti poi a oltre 2mila.

Al contrario, il nuovo accordo non prevede esuberi strutturali. Restano però gli incentivi all’esodo per chi accetta di lasciare il lavoro (in pensione anticipata o per aprire un’attività in proprio) e per quanti si spostano dallo stabilimento campano di Carinaro a quello di Varese. In Lombardia, ha fatto sapere il presidente Roberto Maroni, saranno stabilizzati circa 2.500 dipendenti e 400 giovani verranno assunti.

L’intesa è stata siglata dal premier Matteo Renzi, dal ministro dello Sviluppo Federica Guidi e dai governatori di Campania, Marche, Lombardia e Piemonte, dove si trovano gli stabilimenti Whirlpool. Per i sindacati erano presenti i leader di Fim, Fiom, Uilm e Ugl, Marco Bentivogli, Maurizio Landini, Rocco Palombella e Antonio Spera.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Inpgi, la copertura sanitaria per i giornalisti freelance è un passo storico

prev
Articolo Successivo

Jobs Act, riecco i “furbetti”: “Licenziati e riassunti per gli incentivi” 

next