La Grecia rischia una vera emergenza umanitaria che necessiterebbe di “misure straordinarie“. A suonare l’allarme è l’Efpia, l’associazione che riunisce i produttori europei di farmaci. A destare molta preoccupazione è “l’integrità della catena di approvvigionamento dei farmaci che potrebbe essere a rischio e che creerebbe un rischio per la salute pubblica“, spiegano i produttori europei. “L’industria farmaceutica – fa sapere Efpia – rimane impegnata a fornire ai pazienti in Grecia i farmaci di cui hanno bisogno. Tuttavia non possiamo dirci sicuri che le autorità nazionali siano capaci di mantenere un monitoraggio della filiera essenziale per assicurare che i malati ricevano le medicine di cui hanno bisogno”. Non solo. Servirebbe un bando proporzionato alle esportazioni di farmaci dal Paese per impedire che qualcuno rivenda all’estero, speculando, le forniture che sarebbero destinate ad Atene perché “circostanze eccezionali richiedono misure eccezionali”. E  si corre il rischio che i fornitori intermedi riesportino i farmaci approfittando dei prezzi più bassi. Per questo conclude l’Efpia: “L’associazione chiede alle autorità pubbliche e ai soggetti privati di assicurarsi che i farmaci diretti ai pazienti greci vadano effettivamente a loro”.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Grecia, bloccato accesso a riviste scientifiche online: “Mancano i fondi”

next
Articolo Successivo

Grecia, Osservatore Romano: “Tsipras ha ceduto a pressioni. Conseguenze imprevedibili”

next