La Grecia rischia una vera emergenza umanitaria che necessiterebbe di “misure straordinarie“. A suonare l’allarme è l’Efpia, l’associazione che riunisce i produttori europei di farmaci. A destare molta preoccupazione è “l’integrità della catena di approvvigionamento dei farmaci che potrebbe essere a rischio e che creerebbe un rischio per la salute pubblica“, spiegano i produttori europei. “L’industria farmaceutica – fa sapere Efpia – rimane impegnata a fornire ai pazienti in Grecia i farmaci di cui hanno bisogno. Tuttavia non possiamo dirci sicuri che le autorità nazionali siano capaci di mantenere un monitoraggio della filiera essenziale per assicurare che i malati ricevano le medicine di cui hanno bisogno”. Non solo. Servirebbe un bando proporzionato alle esportazioni di farmaci dal Paese per impedire che qualcuno rivenda all’estero, speculando, le forniture che sarebbero destinate ad Atene perché “circostanze eccezionali richiedono misure eccezionali”. E  si corre il rischio che i fornitori intermedi riesportino i farmaci approfittando dei prezzi più bassi. Per questo conclude l’Efpia: “L’associazione chiede alle autorità pubbliche e ai soggetti privati di assicurarsi che i farmaci diretti ai pazienti greci vadano effettivamente a loro”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Grecia, bloccato accesso a riviste scientifiche online: “Mancano i fondi”

prev
Articolo Successivo

Grecia, Osservatore Romano: “Tsipras ha ceduto a pressioni. Conseguenze imprevedibili”

next