operai_marcegaglia_tetto_240Leggere che ancora una volta gli operai per difendere il proprio posto di lavoro debbano minacciare di buttarsi giù dal tetto dello stabilimento dove lavorano mi crea molto sconforto e molta rabbia.

Proprio cosi dal primo luglio ci sono sette operai, assieme con altri colleghi che per difendere il proprio posto di lavoro che rischia di saltare sono sul tetto dello stabilimento dell’impianto siderurgico Marcegaglia Buildtech di Sesto San Giovanni (Milano), minacciano di buttarsi giù. Ritengo che la vita sia bella e vada vissuta fino in fondo e che sia una cosa schifosa che in un Paese che dice di essere democratico e civile si debba salire sui tetti per affermare la propria dignità. Sono proprio curioso di vedere che hashtag scriverà il Presidente del Consiglio Matteo Renzi sulla vicenda, visto che secondo lui la politica viaggia sui social network.

Auspico che con rapidità si capisca che perché si arrivi ad rilancio economico reale bisogna mettere al centro delle necessità del Paese i bisogni primari dei cittadini. Desidero esprimere la mia vicinanza allo stabilimento di Buildtech e a tutti gli operai d’Italia che vivono una situazione economica lavorativa difficile.

Un abbraccio a tutti voi e alle vostre famiglie.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ikea, sciopero nazionale l’11 luglio: chiusi tutti i 21 punti vendita. E’ la prima volta

prev
Articolo Successivo

Fiat e Cnh rinnovano contratto fino a 2018. “Stipendi legati a produttività”

next