“Sono spaventata che la banca rimanga senza soldi e ho solo 10 euro nel portafoglio”. L’annuncio di un possibile referendum sul piano dei creditori che sarà definito oggi all’Eurogruppo, dato dopo la mezzanotte dal premier Alexis Tsipras, ha fatto scattare la corsa ai bancomat nelle zone residenziali di Atene. Per molti osservatori una consultazione elettorale sulla possibilità di firmare il nuovo memorandum con i creditori internazionali è il primo passo verso il Grexit. Alle 3 di notte piccole code si sono formate davanti alle banche. “Prelevo tutto quello che ho e lo nascondo in casa”, spiega una giovane correntista. La paura è che domani, una volta che la notizia si sarà diffusa, le banche vengano prese d’assalto e lunedì mattina non vengano riaperte. Per ora la situazione è sotto controllo, ma se la Bce smettesse di erogare fondi i bancomat rimarrebbero senza soldi già a inizio settimana di Cosimo Caridi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili