Il Partito Radicale festeggia il suo compleanno con un’asta (#astaradicale) su eBay. In occasione del traguardo dei 60 anni verranno venduti online una serie di cimeli storici: dai manifesti antiproibizionisti, alle fotografie, fino ad arrivare alle bandiere e a una piantina di marijuana. Ci sono anche la raccolta de Il Mondo di Mario Pannunzio dal 1956 al 1958 e l’ultimo dipinto realizzato da Piergiorgio Welby. Il quadro dell’attivista, affetto da distrofia muscolare e da sempre schierato in favore dell’eutanasia, è stato donato ai radicali dalla mamma. Dopo la riduzione dei finanziamenti ai partiti con il decreto Letta, l’asta per i radicali, che sottolineano di essersi sempre battuti per abolire i fondi pubblici agli schieramenti politici, è una forma di autofinanziamento.

E su eBay, come ha detto il segretario Rita Bernardini, c’è anche una piantina di marijuana. Bernardini ha più volte ribadito come questa asta sia “un modo non solo per ricordare le lotte del passato ma anche per portare avanti le lotte del presente. Tra le altre anche quella che chiede la legalizzazione delle droghe leggere. Si tratta di una delle 54 piantine di marijuana terapeutica che sto coltivando sul mio terrazzo di casa in barba a tutti visto che nessuno mi arresta”.

Alla presentazione della campagna è intervenuto anche Marco Pannella: “Vi diamo”, ha detto, “e ci diamo l’occasione di conservare, trasmettere e accudire delle pagine e delle ore di storia. E’ un modo per ricordare le vittorie passate e dare forza a quelle presenti e a quelle che si stanno preparando. Vivere liberi fino alla fine, per esempio. La legalità e lo stato di diritto, così scarso in questo Paese”. E, ha concluso Emma Bonino: “Troverete momenti tristi, bellissimi o momenti che abbiamo vissuto insieme, così come stiamo preparando quelli futuri. Perché i Radicali sono testardi, cocciuti, insopportabili, certamente scomodi ma sempre più indispensabili”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Eni, Grillo agli azionisti: “Ha dato vita a sistema corruttivo internazionale”. Descalzi: “Nostro modello è l’opposto”

prev
Articolo Successivo

Elezioni 2015, Forza Italia scompare nella Sicilia del 61 a 0. Liste solo in due Comuni

next