In Gran Bretagna la campagna elettorale è al culmine. E i contendenti, anche a quelle latitudini, si sfidano a colpi di proposte (o fatti) in grado di incidere sulle tasche dei cittadini. Così, per rispondere all’entrata in vigore della riforma previdenziale del governo Cameron che consente a tutti i 55enni di ritirare l’intero ammontare dei contributi versati, il leader laburista Ed Miliband promette che in caso di vittoria colpirà duramente i super ricchi. In particolare i circa 115mila residenti che, per motivi fiscali, prendono domicilio al di fuori del Regno Unito e attualmente godono del privilegio di non pagare tasse sui beni posseduti all’estero. “Quell’esenzione – spiega Miliband – rende il Regno Unito un vero e proprio domicilio fiscale, il che è insopportabile“.

I laburisti spiegano la promessa elettorale adducendo “ragioni morali” e non si spingono a stimarne il gettito, ma gli esperti stimano che la cosiddetta “scappatoia dei non domiciliati” valga circa 1 miliardo di sterline l’anno. I Conservatori dal canto loro criticano l’uscita di Miliband ricordando che negli ultimi due bilanci dello Stato il governo ha innalzato la “fee” che i non domiciliati devono pagare per essere esenti dalla tassazione dei loro beni all’estero.

L’agevolazione è stata introdotta da William Pitt il Giovane alla fine del Settecento, in piena epoca coloniale, per attirare nel Regno Unito i ricchi magnati. A beneficiarne sono soprattutto cittadini di origine straniera e con doppio passaporto. L’esenzione è gratuita ed automatica per i primi sette anni di residenza dello straniero nel Regno Unito. “Dal 2009 – ha spiegato all’Ansa Alessandro Belluzzo, esperto fiscale inglese di origine italiana – è stato poi introdotto il meccanismo della remittance: dopo sette anni di residenza in Gran Bretagna, per continuare ad essere considerati non residenti e versare le tasse soltanto su beni e redditi prodotti in questo Paese bisogna pagare al fisco britannico una fee di 30mila sterline (circa 50mila euro), che diventano 60mila dopo 12 anni di residenza e 90mila dal diciassettesimo anno in poi”.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

FedEx compra Tnt Express. Il gruppo Usa dei corrieri guarda all’Europa

next
Articolo Successivo

Deutsche Bank rischia 1,5 miliardi di multa per manipolazione tassi interesse

next