“La tecnologia porta alla centralizzazione, quindi all’autoritarismo, ma è l’unica cosa che abbiamo, quindi dobbiamo impegnarci a combattere questa guerra tecnologica”. Al Forum Sociale Mondiale a Tunisi interviene Julian Assange, fondatore di Wikileaks che parla in videoconferenza dall’ambasciata londinese dell’Ecuador, dove ha ottenuto asilo politico. Il tema di internet e della privacy è uno degli argomenti più sentiti del Forum. “Ci vogliono regole e standard, ma non possiamo che siano i governi o le multinazionali ad imporli” spiega Jay Naidoo ex sottosegretario del governo Mandela. Il problema sono i dati che le grandi aziende di internet raccolgono ogni volta che accediamo a un loro server, servono si a controllare il crimine, ma registrano anche tutte le nostre abitudini. “È quello che descriveva George Orwell, controllo di massa –continua Naidoo- e creazione di un profilo per ognuno di noi”  di Cosimo Caridi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Usa, negozianti potranno rifiutarsi di servire clienti gay per motivi religiosi

prev
Articolo Successivo

Andreas Lubitz alla ex fidanzata: “Un giorno il mondo conoscerà il mio nome”

next