Sulle note di “Je t’aime… moi non plus” di Serge Gainsbourg e Jane Birkin, Michele Santoro apre la nuova puntata di Servizio Pubblico: “Stranieri avvolti in una stessa passione. “Ti amo ti amo, lui dice a lei che appassionatamente risponde: neanch’io. Ed è lui che precisa: neanch’io. Si ti amo arabo che cavalchi la mia Alitalia, mentre il popolo padano urla contro l’ennesima moschea. Allah è grande e io ti amo Valentino. Ti amo Cina, urla Trochetti Provera in un orgasmo miliardario. Vieni, vieni senegalese a raccogliere le arance, vieni serbo a ripararmi il rubinetto, vieni vieni mia dolce Irina”. E chiosa: “Domani a colazione orzo bimbo, francese. Ti amo, ti amo, ti amo. Chi è che sta urlando per strada? Lo sai? Neanch’io. A casa chi? A casa dell’Emiro. Voi piuttosto, voi razza di sfigati, voi, dove cazzo abitate?”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Corruzione, Di Maio: “Ddl timido. Il governo ci stupisca e faccia modifiche”

prev
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, “Landini chi?”

next