Il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha accolto, all’aeroporto di Ciampino, le salme dei 4 italiani uccisi a Tunisi, nell’attentato al Museo del Bardo. Il capo del governo ha anche salutato i familiari di Orazio Conte, Giuseppina Biella, Francesco Caldara e Antonella Sesino. I feretri sono stati allineati davanti alla palazzina di rappresentanza dell’Aeronautica Militare, dove due carabinieri hanno svolto i servizi d’onore ed il parroco ha impartito la benedizione. Il presidente del Consiglio ha incontrato per una mezz’ora i familiari delle vittime in una saletta dell’aeroporto: “Ho accolto le famiglie dei 4 italiani uccisi a Tunisi e le salme dei loro cari. Ho condiviso con loro il dolore e l’abbraccio di tutta Italia”. Verranno effettuati i primi accertamenti sui corpi delle vittime ed in seguito, il Boeing 767 ripartirà alla volta di Torino, in quanto tre delle quattro vittime sono piemontesi. La camera ardente delle due vittime torinesi sarà allestita in municipio, nella Sala delle Colonne. L’arrivo delle salme di Antonella Sesino ed Orazio Conte è previsto all’aeroporto di Caselle e ad accoglierle ci sarà il sindaco Piero Fassino.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cuneo, vigile licenziato: si dava malato per lavorare come istruttore di sub

prev
Articolo Successivo

Immigrazione, richieste d’asilo +143%. Cir: “Siamo lontani dall’essere attrezzati”

next