Don Luigi Ciotti, fondatore di Libera, incontrando il ministro del lavoro Giuliano Poletti durante la marcia antimafia a Bologna, gli lancia una frecciata: “L’unica legge che è passata subito è quella sulla responsabilità civile dei magistrati”. Accanto al presidente del Senato Pietro Grasso, il ministro del Lavoro si smarca con piglio renziano. Sorride e risponde: “Le leggi arrivano tutte“. Poi dal palco di piazza VIII agosto, davanti a 200 mila persone, il sacerdote prosegue il suo attacco alla politica: “Ho l’impressione che ci sia chi non voglia una legge chiara e radicale sulla corruzione” di David Marceddu e Giulia Zaccariello

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bancarotta Chil Post, pm Genova chiede archiviazione per Tiziano Renzi

next
Articolo Successivo

Tangenti, lettera di Perotti a Lotti su carta di Lupi: “Caro Luca, sblocca i fondi”:

next