Occhi che guardano al mondo, occhi che sembrano veri. Invece è pittura, quella di Anna De Rosa, salernitana di nascita e di vita. Il suo è un mondo fatto di colori vivi e intensi, di immagini che raccontano la vita di tutti i giorni. “Fin da piccola ho subito una forte attrazione verso il disegno: osservavo le cose e sentivo l’urgenza di riportarle su un foglio”, racconta a FQ Magazine. Così è iniziato il suo cammino nel mondo dell’arte, un percorso sfaccettato: “Con la pittura io racconto delle storie”, spiega.

Solo di arte, spesso, non si vive, ma la De Rosa non ha mai riposto i pennelli in un cassetto: “Per molto tempo ho fatto la muralista (movimento pittorico messicano, ndr) e qui è nato il mio amore per Frida Kahlo”, ricorda. Un’ispirazione sempre viva: “E’ la mia musa, con la mia pittura cerco di riprendere il suo stile realistico-naif”, spiega. Le sue numerose tele illustrano storie quotidiane; le abitudini e l’erotismo, i paesaggi e la natura.
Poi c’è il discorso del riciclo: “Da sempre recupero quello che ho e quello che viene buttato via per dipingere: stoffe, compensati, tele abbandonate”, racconta. E da qualche tempo anche i cosmetici: “Io sono invalida e vivo solo con una pensione, per questo spesso non posso permettermi di acquistare il materiale necessario a dipingere”, spiega. “Un giorno avevo terminato i colori a olio e mi sono chiesta: come faccio ora? – ricorda -, poi girando per casa ho trovato degli avanzi di fondotinta e ho pensato: vediamo che effetto fa sulla tela”.

Un esperimento andato a buon fine, che l’ha spinta a provare anche altri tipi di trucchi: “Matite, rossetti, smalti, tutto si presta benissimo alla pittura”. Con il tempo ha anche studiato le potenzialità di ogni cosmetico: “Gli ombretti vanno lavorati con l’olio di semi, perché sono polveri”, spiega. Nel quadro “Andrea”, ad esempio, i capelli del protagonista sono stati realizzati con avanzi di rimmel: “I cosmetici si asciugano bene e basta utilizzare uno spray fissante perché i colori restino intatti, ma funziona anche la lacca”, ammette. Ma per Anna De Rosa la pittura è un riscatto o una missione?: “La pittura per me è meditazione, perché mi permette di entrare in contatto con me stessa e con altri mondi”. L’arte, tuttavia, è anche un modo per dare attenzione alle categorie più deboli: “Da sempre mi sento solidale con chi ha bisogno – racconta -, per questo spesso ho dipinto murales per alcune associazioni benefiche”.

“In un centro medico per la salute mentale ho decorato un muro con delle finestre e dentro le finestre ho disegnato episodi di vita vera: un mercato, i bambini, persone che facevano Tai chi – ricorda -. In questo modo i pazienti avevano la possibilità di affacciarsi sulla realtà”. Con la pittura, poi, ha coinvolto intere generazioni di persone: “Ho colorato i muri di alcune scuole insieme ai bambini e fatto murales con anziani di ottant’anni”, racconta. Dopo aver partecipato alla manifestazione “Italiani a Dubai” come pittrice eco-sostenibile, ora Anna De Rosa ha alcuni progetti in cantiere per l’Expo: “Sto preparando dei quadri che avranno come tema centrale il cibo – spiega – e saranno esposti tra giugno e luglio”, spiega. Più in là, invece, ci sarà l’occasione di mostrare i suoi ultimi ritratti: “Sto ancora decidendo dove esporli, ma posso anticipare che le protagoniste saranno le donne”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Padova fora le mura cinquecentesche. Per una fogna

next
Articolo Successivo

Teatro cucina, una cena con sei protagonisti: tre attori, la musica, il cibo e il pubblico

next