Un ordigno è esploso a bordo di un autobus che trasportava pellegrini sciiti libanesi all’ingresso della città vecchia di Damasco e il bilancio è di almeno sei morti e oltre 20 feriti. Lo riportano testimoni e media locali. Si pensa che i libanesi presi di mira fossero sciiti in arrivo nella parte vecchia della città nell’ambito di un rituale religioso. Lo scoppio è avvenuto vicino alla porta dell’antica piazza del mercato Al Hamidiyah. La radio locale Sham FM riferisce che il numero delle vittime potrebbe salire perché il bus aveva 50 posti.

Uno degli account Twitter legati al Fronte Al Nusra ha rivendicato l’attentato. Secondo quanto riporta il tweet, sarebbe stato proprio un membro dell’ala siriana di Al Qaeda a farsi saltare in aria all’interno del bus. Sull’account è stata pubblicata una foto di un uomo che viene definito l’attentatore e di un veicolo distrutto. Non è stato possibile verificare l’autenticità delle immagini.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Hong Kong, ombrelli tornano in piazza: “Ma siamo meno fiduciosi di prima”

next
Articolo Successivo

Tsipras fa sul serio: bloccati gli investimenti sulle miniere a Calcide, la ‘Tav greca’

next