“Non l’ho scritto io il post sulla nostra pagina Facebook, ma non lo rinnego. Inserito nel contesto di quella discussione non era un inno alla violenza ma il segno d’un bisogno di autodifendersi, perché se un compagno vuole andare in manifestazione molto spesso deve uscire con caschi e bastoni”. Così Luca Persico, frontman dei 99 Posse, ospite del centro sociale Dordoni di Cremona per un concerto. I 99 Posse sono stati messi sulla graticola perché dopo gli scontri con la polizia avvenuti sabato 24 gennaio nella città lombarda, manifestazione convocata in risposta al pestaggio di un attivista di sinistra da parte di alcuni militanti di estrema destra, sulla loro pagina Facebook era apparso un post con su scritto: “Onore a chi lotta. Più bastoni meno tastiere”. “Ma quelle parole sono state travisate” ha detto Persico, che ha tenuto la stampa ben lontano prima del concerto e ha risposto solo alle domande di una giornalista di una radio”  di Fabio Abati

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Abruzzo, multa da 1400 euro a presidente Pd D’Alfonso. “Missione istituzionale”

prev
Articolo Successivo

Cei, Bagnasco: ‘Libri sul gender a scuola? Si vuole colonizzare mente dei bambini’. Il video

next