“Siamo a un passo dal golpe. Potremmo vedere un altro Yemen entro stasera”. Lo ha detto il ministro dell’Informazione, Nadia al-Sakkaf, dopo gli scontri tra l’esercito e i ribelli sciiti houthi, che avrebbero tentato l’assalto al palazzo del governo. “Parte dell’esercito – ha aggiunto ai microfoni di Al Jazira – non obbedisce agli ordini del presidente Abed Rabbo Mansur Hadi. Credo che nessuno abbia il controllo di San’a (la capitale, ndr) in questo momento”. I media ufficiali yemeniti sono interrotti, ma stando alle notizie che circolano sul web nella capitale ci sono stati morti ed è in corso un viavai di ambulanze nella zona della sede del governo. Su Twitter l’attivista Hisham Al-Omeisy ha parlato di “corpi per strada”.

Lunedì mattina sono scoppiati disordini tra i ribelli e i soldati governativi vicino al palazzo presidenziale nella capitale. I testimoni hanno riferito di aver udito colpi di mortaio e intense sparatorie. Secondo una fonte sono stati usati fucili automatici e lanciarazzi portatili e la polizia ha chiuso l’accesso alla zona degli scontri. Le due fazioni si sono accusate a vicenda di aver provocato la guerriglia. Il canale tv dei ribelli, al-Maseera, ha incolpato l’esercito di avere aperto il fuoco contro i miliziani nell’area del palazzo, mentre un alto funzionario militare affermava che erano stati gli houthi ad attaccare per primi, colpendo alcuni checkpoint militari. I media statali non hanno riportato la notizia a causa di un’improvvisa interruzione della corrente elettrica. Inizialmente si è pensato a un guasto, ma Sakkaf ha poi dichiarato che gli houti hanno assaltato la sede dell’agenzia di stampa statale Saba e la tv.

Il presidente, che al momento degli scontri si trovava nella sua residenza privata, distante dai combattimenti, ha quindi tentato di siglare un accordo per un cessate il fuoco. Successivamente ha organizzato un vertice con i suoi consiglieri politici e i rappresentanti dei ribelli. Dopo l’incontro, in cui erano presenti anche il consigliere houdi del presidente, Saleh al-Samad, e il primo ministro Khaled Bahah, il convoglio di quest’ultimo è stato attaccato con colpi di arma da fuoco da parte dei miliziani. Secondo quanto riportato da al-Sakkaf su Twitter, nessuno è rimasto ferito.

Fallito questo tentativo di mediazione, il ministro dell’Informazione ha quindi ammesso che ormai i ribelli, che esercitavano da settembre un parziale controllo sulla capitale, stanno per prendere il potere. Al-Sakkaf ha poi aggiunto che il presidente e gli altri ministri non abbandoneranno San’a.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Argentina, trovato morto procuratore che indagava su presidente Cristina Kirchner

prev
Articolo Successivo

Usa, alzare le tasse ai ricchi e sgravi alla classe media: la nuova ricetta di Obama

next