Il Tribunale di Sorveglianza di Milano ha concesso l’affidamento in prova ai servizi sociali a Daniele Lorenzano, coimputato di Silvio Berlusconi e condannato in via definitiva a tre anni e otto mesi per il caso Mediaset. L’ex manager per otto mesi, questa la pena al netto nell’indulto da espiare, dovrebbe trovarsi un lavoro e svolgere anche attività di volontariato.

Il provvedimento con cui Lorenzano viene ammesso al percorso di ‘reinserimento’ è stato notificato nelle scorse settimane e l’affidamento dovrebbe essere operativo in questi giorni, dopo la firma delle prescrizioni – quelle ‘classiche’ come non uscire dalla Lombardia, rientrare alle 23 al domicilio indicato e così via – davanti agli assistenti dell’Uepe, l’Ufficio esecuzione penale esterna. Prescrizioni che prevedono anche l’obbligo di svolgere attività di volontariato, i cui termini verranno concordati con gli assitenti dell’Uepe.

Lorenzano, tornato qualche mese fa da Marrakech, dove vive dal 2000/2001 con la famiglia, aveva presentato istanza di affidamento nell’ottobre 2013, quasi in contemporanea con l’ex premier. Istanza che è stata accolta lo scorso novembre e notificata circa un mese dopo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Spese pazze Campania, Regione non è parte civile. Salva candidabilità imputati

next
Articolo Successivo

Scontro Procura Milano, “Robledo a Venezia finché Bruti non lascerà”

next