Otto bambini tra i 18 mesi e i 15 anni uccisi a coltellate e la madre ferita da colpi d’arma da taglio. È questa la scena che si sono trovati davanti i poliziotti del Queensland, in Australia, quando hanno risposto alla chiamata del fratello più grande della famiglia, 20 anni. La donna, una 34enne che vive nel quartiere popolare di Mannora a Cairns, nel nordest del Paese, è stata portata in ospedale e sta collaborando con gli investigatori.

Il 20enne, secondo i primi racconti, sarebbe tornato a casa e avrebbe trovato i cadaveri dei 7 fratelli minori e di un altro bambino e la madre accoltellata. Ha quindi subito avvertito le forze dell’ordine. Gli agenti, adesso, stanno sentendo la donna che, secondo quanto riferisce il detective Bruno Asnica alla Abc, sta collaborndo e offrendo la sua versione. La donna non si trova in stato di fermo, ma la polizia fa sapere di non essere alla caccia di un omicida in fuga. La scena del crimine è stata sigillata e, per giorni, la scientifica lavorerà all’interno dell’abitazione per compiere tutti i rilievi necessari a ricostruire le dinamiche del pluriomicidio.

“Un indicibile crimine” ha commentato il primo ministro australiano, Tony Abbott, “Tutti i genitori proveranno una tristezza immensa per quello che è successo. Questo sono giorni di dura prova per il nostro Paese. Stasera vi saranno lacrime e preghiere in tutto il nostro paese per questi bambini”.

Un giornalista del quotidiano locale Cairns Post ha detto alla radio nazionale Abc che nel quartiere risiede una forte popolazione aborigena. “Tutti qui hanno un legame di parentela con le persone coinvolte – ha spiegato – La gente è devastata. Ci dicono che la donna ferita era una madre orgogliosa, che amava profondamente i figli ed era molto protettiva”. Gli abitanti della zona hanno poi descritto Mannora come un quartiere difficile, marcato dall’alcolismo e dalla violenza.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

St. Tropez, trovato sulla spiaggia il corpo di un bimbo: ha la stessa tuta di Semyon

prev
Articolo Successivo

Catanzaro, agguato a imprenditore. Ucciso con dodici colpi di fucile

next