Si sa, vivere d’arte in Italia non è mai stato semplice. Se poi si aggiungono le difficoltà economiche del momento, diventa quasi impossibile. Questa situazione il compositore e trombettista Massimo Nunzi la conosce bene, considerati i quasi trent’anni di esperienza come arrangiatore e direttore d’orchestra. Per reagire a un momento di crisi senza precedenti, che ha ristretto ulteriormente gli spazi espressivi anche nel settore musicale, l’artista ha deciso di unire le forze in campo e di formare l’Orchestra Operaia: un ensemble di giovani musicisti provenienti da Roma e dintorni. Ragazzi che hanno studiato il proprio strumento e hanno maturato esperienze con artisti di prestigio, ma che per colpa della congiuntura sfavorevole fanno sempre più fatica a trovare spazi e situazioni per esibirsi. “La crisi nel settore musicale – ci racconta Nunzi – esiste da quando sono nato. Ma questa volta sta succedendo un fatto grave: si costruiscono professionalità che poi non vengono valorizzate e spesso si perdono”.

Nel formare l’Orchestra Operaia, il musicista si è ispirato alle ensemble che nacquero nel 1929 negli Stati Uniti in reazione alla “grande crisi” che mise in ginocchio l’economica mondiale. Convinto che la ripresa e il riscatto passino attraverso la cooperazione, nel maggio 2013 ha cominciato a mettere insieme un gruppo eterogeneo di suonatori: chitarristi, batteristi, trombettisti. Artisti con diverse attitudini e ‘specialità’. Dopo le difficoltà iniziali, finalmente da gennaio di quest’anno possono riunirsi, ogni lunedì, per suonare insieme. “Abbiamo costruito 25 diversi repertori – continua Nunzi – Ma la cosa veramente innovativa sta nel fatto che, oltre ai musicisti, ho coinvolto altri giovani direttori, compositori e arrangiatori. E condivido la direzione dell’orchestra con questi ragazzi promettenti. Molti mi hanno contattato tramite Facebook. È un fatto unico in Italia. Tutti i direttori vedono l’orchestra come qualcosa di proprio, una sorta di moglie. Mentre io ho deciso di condividerla”.

Grazie a questo lavoro di reclutamento, oggi l’Orchestra Operaia conta oltre 60 musicisti che ruotano tra di loro in base alla disponibilità e ai repertori. La cooperazione gli permette di curare diversi progetti ed esibirsi con paghe dignitose, quattro o cinque volte maggiori di quelle normalmente concesse in altre situazioni musicali. Ed è un vero miracolo vista la mancanza di qualsiasi sostegno. “Purtroppo in Italia non esiste un sistema che favorisca l’integrazione lavorativa dei musicisti – racconta Nunzi – non ci sono leggi che ci tutelino in questo senso. E gli oneri per tenere in piedi un’orchestra sono molti. Paghiamo tantissime tasse e non c’è una struttura che promuova la crescita artistica di questi ragazzi. Io ho suonato con tantissimi musicisti importanti a livello internazionale, Chet Baker, Dizzy Gillespie, Dave Liebman, ma questi artisti esistevano perché c’erano locali disposti a investire su di loro, a dargli fiducia. In Italia manca questo tipo di sperimentazione, la voglia di rischiare”.

Nonostante l’assenza di sostegno e strutture, quest’anno l’Orchestra Operaia si è tolta già parecchie soddisfazioni. Ha ripreso i repertori di artisti italiani come Niccolò Fabi, Petra Magoni, Nathalie, riarrangiandoli in chiave jazz e proponendoli dal vivo insieme a loro. E un ulteriore premio a questa intensa attività è arrivato con il concerto di sabato 30 novembre all’Auditorium Parco della Musica, nell’ambito del Roma Jazz Festival. Undici musicisti dell’Orchestra e quattro arrangiatori saliranno sul palco per proporre il repertorio delle band nate durante la Grande Depressione, eseguendo per la prima volta gli arrangiamenti originali di Glen Grey e di Casa Loma. Poi suoneranno alcuni rarissimi adattamenti di Lionel Hampton, Count Basie, Duke Ellington, Benny Goodman e Chick Webb, dedicando spazio anche a band e musicisti meno conosciuti. “L’Orchestra Operaia ha un respiro internazionale. Io spero che possa andare in giro per il mondo. Questi ragazzi sono in grado di suonare qualsiasi cosa: dal jazz degli anni ’30 alla musica contemporanea. Siamo come una squadra di calcio: giocando sempre insieme si è creato il giusto affiatamento per vincere le partite. Ecco perché il 10 dicembre ci hanno chiamato per un Christmas Concert ad Arezzo. E poi per Capodanno ci saranno grandi sorprese”.

Foto per gentile concessione di Paolo Soriani

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

X Factor 2014: stasera la finale con Tiziano Ferro, David Guetta e altre star

next
Articolo Successivo

Soviet Soviet: a proposito di Post Punk

next