Alessandra Iodice, 34 anni, si è sempre considerata una viaggiatrice. Sin da quando da piccola si è spostata da Napoli a Roma, la voglia di muoversi non l’ha mai abbandonata. Proprio per “esplorare il mondo e conoscere una nuova cultura”, 5 anni fa è partita per l’Australia. Un pezzo di cuore però è rimasto a casa, così, nella sua valigia, ha portato ciò che la rende molto orgogliosa: il suo essere italiana. E a Melbourne con il suo nuovo lavoro “esporta il bello del suo Paese d’origine”.

“Volevo approfondire la conoscenza dell’inglese – racconta quando le si chiede il motivo della partenza – e la ‘terra dei canguri‘ mi offriva la possibilità di avere un working holiday visa (che permette di viaggiare e lavorare, ndr). La vera domanda è perché sono rimasta”. E il perché non è affatto banale: “Qui ho avuto la possibilità di realizzare il mio sogno”, spiega.

Nasce così Minitalia Lab, business nel quale “i bambini, dai zero ai 5 anni, attraverso dei workshop entrano in contatto con la cultura italiana e apprendono la nostra lingua”. Il tutto “in maniera moderna, non attraverso il solito stereotipo della pizza e del mandolino, che all’estero sono ciò che caratterizzano il Belpaese. Ma attraverso laboratori in cui a farla da padrona è l’arte, la musica e il gioco, in un approccio naturale all’italiano”. La sua nuova attività più che un lavoro è un cumulo di passioni: “C’è tutto: l’amore per l’Italia, la cultura, l’arte e i bambini”. E proprio a loro cerca di trasmettere la sua indole da “esploratrice”, attraverso la creazione di una realtà immaginaria: “Cerchiamo di ricostruire Roma con una mappa della città sulla quale i bambini giocano con le macchinine, c’è il Colosseo e un grande telo con gli affreschi della Cappella Sistina sotto al quale i bambini possono stendersi mentre ascoltano le canzoni italiane per l’infanzia più famose, come ‘Stella, stellina‘”, racconta.

E la risposta è entusiasta. “Gli australiani ci adorano, quando ci vedono pensano alla cultura, alla conoscenza e apprezzano la passione con cui viviamo – spiega Alessandra -. La maggior parte delle persone (i bambini spesso sono accompagnati dai genitori durante i laboratori, ndr) che partecipano ai nostri workshop lo fa non perché abbia un background italiano, ma per amore per il nostro Paese, perché vuole viaggiare in Italia. E i bambini, poi, che già nascono curiosi, come non potrebbero essere incuriositi dai tesori che abbiamo?”.

E Alessandra ricambia l’apprezzamento per Melbourne, città considerata la più vivibile del mondo e che negli ultimi anni ha visto arrivare molti connazionali. Certo, la vita poi presenta sempre difficoltà diverse: “Qui ci sono ostacoli differenti rispetto all’Italia, tutti i viaggi sono complicati, in qualsiasi Paese: ci sono sempre compromessi a cui scendere e problemi da superare in maniera diversa, ma l’importante è credere nei propri progetti”. A condividere il suo entusiasmo e la sua voglia di esplorare il mondo c’è Tonino, il suo fidanzato. Anche a lui, Melbourne ha aperto diverse porte: “Ha potuto realizzare il suo obiettivo di diventare un web designer”, racconta Alessandra.

E se a casa ha lasciato gli affetti e un lavoro in un’agenzia pubblicitaria, per il momento la vita in Australia la soddisfa in pieno: “Credo nell’Italia e mi piacerebbe tornare un giorno. Ma adesso voglio continuare questo sogno – spiega -. Io e Tonino abbiamo un’età che è quella in cui si costruisce qualcosa: noi lo abbiamo fatto insieme, con fatica e ne siamo orgogliosi. Tornare ora vorrebbe dire ricominciare da capo. Per adesso in Italia facciamo i viaggiatori, qui il lavoro con Minitalia Lab mi dà grandissime soddisfazioni e mi fa sentire anche meno lontana”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

‘Giornata mondiale dei ricercatori italiani’: Houston celebra i nostri cervelli

next
Articolo Successivo

Radio2 Rai, ‘Non è un paese per giovani’. “I trentenni e il loro esodo silenzioso”

next