Luigi de Magistris rimane in carica come sindaco di Napoli. Il Consiglio di Stato ha infatti confermato la sentenza del Tar che ha investito della questione la Corte Costituzionale bloccando gli effetti della delibera con cui il Prefetto di Napoli lo aveva sospeso. All’indomani della decisione del Tar siamo andati per le strade di Napoli ad ascoltare le voci dei cittadini. Il giudizio sull’operato del sindaco della “rivoluzione arancione” divide la città. I favorevoli gli riconoscono il merito di aver assicurato una reale discontinuità con le fallimentari amministrazioni del passato. I critici gli imputano la rasponsabilità di essersi concentrato su provvedimenti di facciata. In mezzo ci sono i delusi, che l’hanno votato e sostenuto ma ora non gli credono più. Non sono pochi e non sarà facile per de Magistris riconquistarne la fiducia. Anche la scelta di non dimettersi dopo la condanna per abuso d’ufficio divide gli animi. C’è chi la giudica moralmente inopportuna e incoerente con quanto l’ex magistrato aveva a lungo predicato. E c’è chi la condivide, “perché la sentenza è soltanto di primo grado” e in tal modo il sindaco “dimostra che vuole continuare a battersi per la sua città”. E voi su questo punto come la pensate? Ha fatto bene il sindaco di Napoli a non dimettersi? dite la vostra nei commenti e votando la risposta che vi convince di più di Piero Ricca, riprese Fabio Capasso

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lavoro, Landini: “Renzi non ha consenso delle persone oneste”. Poi si corregge

next
Articolo Successivo

Anticorruzione, ordini professionali contro Cantone. Rivolta in Parlamento

next