“Abbiamo riempito di monnezza prima il nord e poi abbiamo scaricato al sud. Le navi? Partivano per la Somalia con armi e rifiuti. Ai magistrati spiegai ‘La monnezza è oro e la politica è una monnezza’”. E’ il racconto esclusivo che il boss Nunzio Perrella, pentitosi nel 1992, affida alla Gabbia. Questa sera, su La7, il reportage di Nello Trocchia sulla Terra dei fuochi, un anno dopo la grande mobilitazione ‘Fiume in piena’, si intrecciano storie di dolore e coraggio mentre i roghi continuano e di bonifiche neanche a parlarne. Perrella, per primo, raccontò ai magistrati il sistema di gestione criminale del pattume industriale. Vennero fatti i nomi e i cognomi, ma i processi finirono tutti in prescrizione. Oggi ha paura: “Potevamo distruggere tutto 25 anni fa. Ora lo stato, finito il programma di collaborazione, non mi ha dato una nuova identità e ho paura di morire”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Petrolio: cosa resterà del golfo di Taranto?

prev
Articolo Successivo

Alluvioni: qualche seria riflessione su cambiamenti climatici e permessi edilizi

next