Settecento bambini rimasti fuori dai nidi comunali e tre asili pronti da anni che non aprono. E’ il paradosso che vive il quartiere Ponte di Nona, periferia est di Roma, una zona abitata soprattutto da giovani coppie con bambini, edificata negli primi anni duemila con la promessa che insieme alle case sarebbero arrivati i servizi. Le famiglie sono costrette a spendere fino a 500 euro al mese per asili privati o a portarli in altri quartieri. “Il Comune non ha i fondi per assumere il personale – Massimo Sbardella, presidente Commissione Scuola del sesto Municipio – e nonostante ci siano molte educatrici precarie gli asili potrebbero essere dati in gestione ai privati”. Più tempo restano chiuse, più improbabile diventa l’apertura: le strutture abbandonate nel frattempo vengono vandalizzate e diventano inutilizzabili. Solo nell’asilo di via Saldini i danni ammontano a 100mila euro  di Claudia Andreozzi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

“Morire di petrolio”: in un libro la vittoria dei cittadini contro la Tamoil a Cremona

next
Articolo Successivo

“Se mi annulli non vale”. Arcigay in piazza a Bologna contro Alfano e prefetto

next