Alla fine ti resta soltanto la morte, quella fisica di Stefano, la morte dentro dei genitori e della sorella, la morte di chi si aspettava (parola grossa) giustizia. Ma la morte di Stefano non è definitiva e non solo per l’immagine di un accanimento barbaramente umano (e oggi assolto), si traduce in condanna a vita per la famiglia, ad oggi l’unica condanna emessa. “Buona notte e buona fortuna“.
cucchi-fogliazza

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Stefano Cucchi, famiglia: ‘Caso non finisce qui. Azione legale contro il ministero’

next
Articolo Successivo

Stefano Cucchi, morto un’altra volta

next