Alla fine ti resta soltanto la morte, quella fisica di Stefano, la morte dentro dei genitori e della sorella, la morte di chi si aspettava (parola grossa) giustizia. Ma la morte di Stefano non è definitiva e non solo per l’immagine di un accanimento barbaramente umano (e oggi assolto), si traduce in condanna a vita per la famiglia, ad oggi l’unica condanna emessa. “Buona notte e buona fortuna“.
cucchi-fogliazza

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Stefano Cucchi, famiglia: ‘Caso non finisce qui. Azione legale contro il ministero’

next
Articolo Successivo

Stefano Cucchi, morto un’altra volta

next