Alta tensione a “L’Aria che tira” di Myrta Merlino su La 7. Una mattinata infuocata per la conduttrice che si è trovata a fare da arbitro in uno scontro al veleno tra Antonio Ingroia (ex pm palermitano ) e Fabrizio Cicchitto (deputato Ncd). Il tema della puntata è il processo sulla presunta trattativa Stato-Mafia. Ingroia, che per primo ha avviato l’inchiesta salvo poi lasciare la toga, scalda subito lo studio affremando che “lo stato trattava per salvare qualche ministro colluso”. A questo punto arriva subito la risposta di Cicchitto: “Questo è un film, non un processo”. E Ingroia ribatte: “No questo è un processo”. Da qui in poi si scatena la bufera. Cicchitto e Ingroia cominciano ad alzare la voce. Cicchitto urla: “Fammi parlare, non ti ho interrotto e non sono un tuo imputato”. E Ingroia: “Siamo interevenuti perché la politica non sapeva cambiare le cose”. La Merlino prova a far tornare la calma e sceglie di mandare la pubblicità

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Compravendita senatori, De Gregorio: “Guerriglia urbana con B. contro Prodi”

prev
Articolo Successivo

Regione Lombardia, chiesto processo per 64 ex consiglieri tra cui Bossi jr e Minetti

next