“Desidero esprimere profonda vicinanza e solidarietà ai dipendenti della compagnia aerea Meridiana che stanno vivendo ore di apprensione per il loro futuro lavorativo”. E’ l’appello di Papa Francesco in occasione dell’udienza generale del mercoledì in piazza San Pietro. Mentre si recava sul sagrato Bergoglio è sceso dalla camionetta per salutare un folto gruppo di lavoratori della compagnia che indossavano una maglietta rossa con la scritta “Io sono un esubero Meridiana”. La compagnia sarda ha annunciato nei giorni scorsi che è sempre più vicina al licenziamento di 1.600 persone.

Bergoglio si è rivolto alla piazza dove i lavoratori sventolavano palloncini rossi e ha detto: “Auspico vivamente che si possa trovare un’equa soluzione, che tenga conto anzitutto della dignità della persona umana e delle imprescindibili necessità di tante famiglie“. E senza seguire alcun copione ha chiesto: “Per favore, faccio un appello a tutti i responsabili, nessuna famiglia senza lavoro“, a cui è seguito un lungo applauso da parte dei lavoratori. Papa Francesco, che nel suo viaggio a Cagliari del settembre 2013 aveva toccato con mano la difficile situazione economica in cui versa l’isola, ha sempre presente il problema del lavoro e della disoccupazione in Sardegna e spesso, in particolare quando ci sono gruppi di sardi in piazza per le udienze generali, manifesta la propria vicinanza ai lavoratori e alle famiglie.

(video di Davide Mosca)


close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Aiuti di Stato, la Ue multa Roma per gli sgravi contributivi del pacchetto Treu

next
Articolo Successivo

Jobs act: vita, miracoli (e morte?)

next