“A Silvio Berlusconi non interessa il riconoscimento delle coppie gay, ma solo eliminare Angelino Alfano“. Così Vincenzo Branà, presidente dell’Arcigay di Bologna uno dei centri più importanti in Italia nella lotta per i diritti della comunità Lgbt, commenta così la visita di Vladimir Luxuria ad Arcore. L’ex parlamentare di Rifondazione comunista, oggi conduttrice e attivista, era stata invitata a cena dal leader di Forza Italia per parlare di nozze gay. Ma sul reale impegno di Berlusconi in favore delle unioni tra persone dello steso sesso, Branà ha più di un dubbio. “Ci sono una strumentalizzazione e un uso di una tematica a fini politici ed elettorali. Niente di più. Parlare con Berlusconi non vuole dire dialogare con la destra, ma resuscitare un tipo di politica che volevamo dare per smaltita. Forse Luxuria ha rimosso dei pezzi della sua storia politica, che riguardano il suo incontro-scontro con Forza Italia ai tempi di Elisabetta Gardini”  di Giulia Zaccariello

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Firenze, al Careggi la prima fecondazione eterologa in un ospedale pubblico

next
Articolo Successivo

Bahrain, Zainab al-Khawaja arrestata: davanti al giudice strappa la foto del re

next