Un cadavere tagliato in due e avvolto in sacchi di nylon è stato ritrovato dalla polizia nello scantinato di un condominio nella provincia di Ivrea. Il corpo è quello di una 35enne romena, Flerica Ninzat, che risultava scomparsa da tre mesi. Il palazzo è lo stesso in cui, a fine agosto, venne ritrovato il cadavere del marito della donna, che si è ucciso con un coltello da macellaio. La donna era sparita dalla propria abitazione, in via Guarnotta 29, da giugno, lo stesso palazzo in cui è stato ritrovato il cadavere. La denuncia arrivò dallo stesso coniuge della donna che, due mesi dopo, si è tolto la vita. Il ritrovamento del corpo della 35enne romena è stato possibile anche grazie all’utilizzo di due pastori tedeschi, specializzati nel ritrovamento di persone e nell’individuazione di tracce ematiche, del nucleo cinofilo di Malpensa. Sul posto è arrivato anche il Procuratore Capo di Ivrea, Giuseppe Ferrando.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scontri a Napoli per il vertice Bce. Bottiglie e petardi, la polizia carica

next
Articolo Successivo

Nunzio D’Erme, libertà per la Roma laica e antifascista

next