Un cadavere tagliato in due e avvolto in sacchi di nylon è stato ritrovato dalla polizia nello scantinato di un condominio nella provincia di Ivrea. Il corpo è quello di una 35enne romena, Flerica Ninzat, che risultava scomparsa da tre mesi. Il palazzo è lo stesso in cui, a fine agosto, venne ritrovato il cadavere del marito della donna, che si è ucciso con un coltello da macellaio. La donna era sparita dalla propria abitazione, in via Guarnotta 29, da giugno, lo stesso palazzo in cui è stato ritrovato il cadavere. La denuncia arrivò dallo stesso coniuge della donna che, due mesi dopo, si è tolto la vita. Il ritrovamento del corpo della 35enne romena è stato possibile anche grazie all’utilizzo di due pastori tedeschi, specializzati nel ritrovamento di persone e nell’individuazione di tracce ematiche, del nucleo cinofilo di Malpensa. Sul posto è arrivato anche il Procuratore Capo di Ivrea, Giuseppe Ferrando.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Scontri a Napoli per il vertice Bce. Bottiglie e petardi, la polizia carica

prev
Articolo Successivo

Nunzio D’Erme, libertà per la Roma laica e antifascista

next