A sentire il commissario ungherese Tibor Navracsics designato alle Politiche giovanili, l’Ungheria è il Paese più libero e democratico del continente, un Paese dove il sole splende 24 ore al giorno e i fiori crescono anche in inverno.

Navracsics, di fronte alla Commissione Cultura del Parlamento europeo che dovrà su di lui esprimere un parere motivato, si è definito un convinto europeo, un fan dell’Europa unita, un pio credente nei valori fondamentali alla base dell’Unione europea. Nelle due ore e mezza di audizione e in mezzo alle decine di domande degli eurodeputati scettici sulle sue reali intenzioni, avrà pronunciato la parola “freedom” almeno una trentina di volte, tanto che a un certo punto sembrava di essere a un discorso di Martin Luther King.

A sentire lui, non solo l’Europa è nel cuore del governo di Viktor Orban – dal quale è stato nominato commissario europeo e del quale è stato ministro per anni – ma in Ungheria non c’è e non c’è mai stato alcun problema con la libertà di stampa, né di espressione, né di indipendenza della magistratura e della Banca centrale.

Eppure parliamo dello stesso Paese che non oltre due anni fa si è trovato al centro di un’accesa polemica internazionale per una riforma comunemente considerata liberticida nei confronti della stampa, del sistema giudiziario e bancario, tant’è che Bruxelles ha dovuto minacciare di chiudere i rubinetti dei fondi europei per frenare la frenesia del governo Orban il quale, va detto, gode in madre patria di una maggioranza plebiscitaria – forse proprio per il controllo di stampa e Ong?

Eppure Navracsics, che ogni tanto abbozzava anche qualche sorriso – cosa che gli riusciva piuttosto difficile – si è detto pronto e onorato a guidare l’Educazione e le Politiche giovanili europee, portafogli nel quale rientra niente meno che il progetto Erasmus +, che rischia di finire in mano a un uomo il cui governo vuole complicare la vita ai giovani ungheresi laureati che vogliono andare a lavorare all’estero.

Navracsics ha dato un esempio formidabile di quello in cui il suo Premier, Viktor Orban, è un maestro: la politica della doppia faccia. Docile e mansueto a Bruxelles, scatenato e irriverente a Budapest. Navracsics, come Orban, ha capito benissimo che fare casino a Bruxelles non gli conviene per niente, meglio starsene zitto, far buon viso a cattivo gioco e poi, tornato a casa sua raccontare la verità che preferisce e schiacciare il dissenso.

Peccato che Juncker abbia deciso di affidare a Navracsics proprio il portafogli Educazione, politiche giovanili e cittadinanza. Barara Spinelli ha parlato di “provocazione”… un modo politically correct per dire “presa per i fondelli”.

@AlessioPisano


www.alessiopisano.com

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ue, Moscovici: “Farò rispettare le regole di bilancio a tutti i Paesi. Anche alla Francia”

next
Articolo Successivo

Fiscal compact, Renzi vs Merkel: “Nessuno tratti altri Paesi come studenti”

next