Ha varcato la soglia del carcere di Regina Coeli in qualità di collaboratore di una europarlamentare in visita ispettiva nel carcere ed è stato sorpreso mentre tentava di consegnare 1,30 grammi di marijuana a Nunzio D’Erme, esponente della sinistra alternativa romana, detenuto nel penitenziario romano da venerdì scorso, quando è stato arrestato per i tafferugli avvenuti il 21 maggio negli uffici del VII Municipio.

L’episodio è avvenuto ieri pomeriggio durante una visita dell’europarlamentare Eleonora Forenza (L’Altra Europa con Tsipras) che era accompagnata da Giovanni Russo Spena e dal “collaboratore” colto con la marijuana. A denunciare il fatto è stato Massimo Costantino, segretario regionale Fns Cisl Lazio sostenendo che “prontamente il personale di polizia penitenziaria ha evitato il passaggio di tale sostanza, marijuana, 1,5 grammi” e che l’uomo “è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria”. “Non sapevo assolutamente nulla – ha detto l’europarlamentare Forenza – eravamo nelle vicinanze della cella di Nunzio D’Erme, quando ho visto il secondino che contestava il fatto”. Forenza ha precisato che l’uomo denunciato, sulla cinquantina, “non è una persona che lavora nella mia segreteria, ma un compagno dei Movimenti. Né io, né Giovanni Russo Spena, né Nunzio D’Erme eravamo a conoscenza delle sue intenzioni”.

Per la Fns Cisl occorre “rivedere l’accesso di tali collaboratori dei parlamentari poiché è inaccettabile che utilizzando il loro status possano approfittare di entrare in carcere e perpetrare un reato”. E’ un fatto gravissimo, aggiunge, che “non può accadere in luoghi di legalità, è inammissibile. La detenzione dovrebbe servire a rieducare”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Agrigento, padre dei fratellini morti: “Perché non sono riuscito a salvarli?”

next
Articolo Successivo

Pedofilia, ecco perché lo scandalo può travolgere il consiglio della corona del Papa

next