Berlusconi tratta con le forze dell’ordine a nome del premier. “Renzi mi ha autorizzato a dirvi che è disponibile a incontrarvi a patto che voi rinunciate allo sciopero che avete annunciato”. E’ il 17 settembre. Silvio Berlusconi, presidente di Forza Italia, incontra i rappresentanti sindacali delle forze dell’ordine che in quei giorni protestano per il blocco dei tetti salariali previsto dal governo nel Def. E il Cavaliere, condannato per frode fiscale, espulso dal Senato e interdetto dai pubblici uffici, sembra indossare le vesti dell’emissario del presidente del Consiglio per mediare con i sindacati. Adesso il Movimento 5 Stelle presenta un’interrogazione parlamentare al premier per sapere se davvero ha dato “incarico” all’alleato di “trattare” con i rappresentanti di polizia.

La portavoce 5 stelle al Senato Vilma Moronese chiede se “Renzi è a conoscenza dell’accaduto?”. E se siano state “concesse deleghe al signor Silvio Berlusconi in nome e per conto del Presidente del Consiglio a rappresentarlo o a farsi portavoce presso i cittadini, lavoratori e sigle sindacali?”. “Renzi – continua l’interrogazione – smentisca quanto dichiarato da Berlusconi chiarendo che un condannato per frode fiscale non può dichiararsi portavoce del Presidente del Consiglio dei Ministri della Repubblica Italiana”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Senato, fuga prima del voto al decreto missioni: il weekend scatta al giovedì

prev
Articolo Successivo

“Fate i selfie dai cantieri”. Renzi dagli Usa fa pressing per le foto dagli enti locali

next