“Non ho mai visto un imprenditore che motiva la lettera di licenziamento, perché uno è un sindacalista, uomo, donna, straniero. Un coglione così non dovrebbe nemmeno fare l’imprenditore e non esiste“.  A dirlo, in conferenza stampa alla Camera, il leader della Fiom, Maurizio Landini, durante la presentazione della proposta di legge di iniziativa popolare, proposta da Sel, sulla cancellazione del pareggio di bilancio dall’articolo 81 della Costituzione. “Se il Governo vuole fare una cosa seria e non raccontare balle – ha spiegato Landini –  deve dire che l’articolo 18 dello Statuto dei lavoratori è stato già cambiato e ora permette i licenziamenti economici senza reintegra. Ma modificarlo  – ha proseguito – non ha creato un solo posto di lavoro in più e non ha fatto arrivare multinazionali nel nostro Paese”.  Il tema, secondo Landini, è estendere l’articolo 18 a chi non ce l’ha. “Il problema – annuncia Landini – non è cambiarlo ulteriormente e peggiorarlo ancora, ma garantirlo come elemento di dignità e libertà per tutti. I diritti non sono un elastico: o ci sono o non ci sono”  di Manolo Lanaro

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Riforma del lavoro: quali tutele? E quanto crescenti?

prev
Articolo Successivo

Articolo 18 “salvavita”: le storie di licenziati senza giusta causa e reintegrati

next