Abbiamo visto spot di tutti i generi, ma mai prima d’ora c’era capitato di vedere uno spot pubblicitario per una guerra. Si tratta dell’ultimo video di propaganda dell’Isis. Talmente ben fatto che sembra quasi prodotto a Hollywood, come ha già commentato il New York Times. È la risposta dei “comunicatori” dello Stato Islamico alla dichiarazione di guerra di Obama. Purtroppo, i video di propaganda diffusi dagli americani per dissuadere i giovani islamici a non aderire all’Isis non hanno la stessa efficacia e risultano perfino grossolani.

Da un punto di vista tecnico, è una novità: fa il verso ai trailer dei grandi film americani, ne adotta lo stesso montaggio serrato, evidenzia le scene della trama (futura) ricca di effetti speciali, usa la stessa grafica. Perfino la classica frase conclusiva “Coming Soon” (“Prossimamente su questi schermi”) ottiene l’effetto beffardo voluto dopo il titolo iniziale “Flames of War” (“Le fiamme della guerra”). La logica e l’ironia sono tipicamente occidentali. O per meglio dire, viene usato il nostro stesso linguaggio.

Questo cortocircuito semiotico produce paradossalmente più terrore di altre scene reali purtroppo viste in rete, perché ha l’efficacia di una promessa pubblicitaria per un prodotto che, come abbiamo avuto modo di verificare, mantiene sempre quello che promette. Uno spot in piena regola per un brutto film che sta per iniziare, che ci rende tutti spettatori impotenti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Referendum Scozia, il “no” è in vantaggio. Quebéc e Baviera: “Dopo toccherà a noi”

next
Articolo Successivo

Scozia, il deputato italo-scozzese Biagi: “Vogliamo decidere da soli il nostro futuro”

next