Marco Lombardi, professore di sociologia e comunicazione presso l’Università Cattolica di Milano, da lungo tempo conoscitore e studioso dei metodi di informazione utilizzati dalla Jiahd islamica considera il rap una forma di comunicazione utilizzata dai militanti dell’Isis per fare proselitismo. “Evidentemente non è che sono i rapper degli jiahdisti – dice Lombardi –, ma è quel tipo di musica che può facilmente veicolare un certo tipo di messaggio, all’interno di un ben determinato ceto sociale”. “Togliamoci dalla mente – continua il professore di comunicazione – che abbiamo a che fare coi una comunicazione naif. I terroristi, assieme alle armi, hanno un sacco di professionalità a disposizione, comprese esperti in comunicazione”. “Ci vogliono leggi speciali che affrontino questo tipo di problema – termina Lombardi – ma soprattutto i media occidentali dovrebbero dare meno spazio a questa informazione”  di Fabio Abati

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ice Bucket Challenge, la Versace e la doccia tra i modelli: ‘No, aspetta’

next
Articolo Successivo

Ice bucket challenge, doccia gelata con sorpresa finale per Rocco Siffredi

next