Tutto inizia un sabato sera di febbraio del 1992. Fa freddo, il cielo è gonfio di stelle e la luna piena illumina dall’alto un minuscolo locale di Carpi, il Kalinka. Sul palco, una band di ragazzi, delle canzoni irlandesi e un cantante: un ragazzone con il chiodo. Ecco l’inizio della storia dei Modena City Ramblers, vista con gli occhi di uno dei suoi protagonisti, Stefano “Cisco” Bellotti, l’ex frontman del gruppo folk-rock emiliano che adesso racconta i 14 anni passati con la band nel libro “Oh belli ciao!“, la sua biografia ufficiale e romanzata (i primi cinque capitoli del libro in anteprima su ilfattoquotidiano.it).

Un viaggio che inizia in quella sera del febbraio 1992 e va avanti con album, tour, viaggi, incontri, condivisioni, bevute, trionfi, cadute e furiose litigate. “Lungo una strada che porta da Norimberga a Borgo Valsugana, luogo del mio ultimo concerto!”, racconta Cisco, che ha lasciato i Modena City Ramblers nel 2005, dopo aver pubblicato nove album di inediti e venduto circa un milione di copie, collezionando più di 1200 concerti tra Italia, Europa e America Latina. Ora “Cisco” è un apprezzato cantautore solista con alle spalle tre lavori inediti e due raccolte live. “Oh belli ciao!” è la sua storia dentro la band: duecento pagine di racconti e aneddoti, molti dei quali mai svelati, centinaia di righe scritte in compagnia dell’amico scrittore e giornalista free lance Carlo Albè, che nel 2011 ha pubblicato il suo primo romanzo “L’importante è non restare” e nel 2013 il fortunato “Stabile Precariato” che promuove con un tour di ben cinquanta reading in un anno.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

#VenerdìalMuseo, ma il ministero chiede agli artisti di lavorare gratis

next
Articolo Successivo

Festival della Mente a Sarzana: al centro creatività e rapporti fra generazioni

next