Tutto inizia un sabato sera di febbraio del 1992. Fa freddo, il cielo è gonfio di stelle e la luna piena illumina dall’alto un minuscolo locale di Carpi, il Kalinka. Sul palco, una band di ragazzi, delle canzoni irlandesi e un cantante: un ragazzone con il chiodo. Ecco l’inizio della storia dei Modena City Ramblers, vista con gli occhi di uno dei suoi protagonisti, Stefano “Cisco” Bellotti, l’ex frontman del gruppo folk-rock emiliano che adesso racconta i 14 anni passati con la band nel libro “Oh belli ciao!“, la sua biografia ufficiale e romanzata (i primi cinque capitoli del libro in anteprima su ilfattoquotidiano.it).

Un viaggio che inizia in quella sera del febbraio 1992 e va avanti con album, tour, viaggi, incontri, condivisioni, bevute, trionfi, cadute e furiose litigate. “Lungo una strada che porta da Norimberga a Borgo Valsugana, luogo del mio ultimo concerto!”, racconta Cisco, che ha lasciato i Modena City Ramblers nel 2005, dopo aver pubblicato nove album di inediti e venduto circa un milione di copie, collezionando più di 1200 concerti tra Italia, Europa e America Latina. Ora “Cisco” è un apprezzato cantautore solista con alle spalle tre lavori inediti e due raccolte live. “Oh belli ciao!” è la sua storia dentro la band: duecento pagine di racconti e aneddoti, molti dei quali mai svelati, centinaia di righe scritte in compagnia dell’amico scrittore e giornalista free lance Carlo Albè, che nel 2011 ha pubblicato il suo primo romanzo “L’importante è non restare” e nel 2013 il fortunato “Stabile Precariato” che promuove con un tour di ben cinquanta reading in un anno.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

#VenerdìalMuseo, ma il ministero chiede agli artisti di lavorare gratis

next
Articolo Successivo

Festival della Mente a Sarzana: al centro creatività e rapporti fra generazioni

next