Per il secondo giorno consecutivo si sono vissuti momenti convulsi alla clinica Matris di Milano, dove opera il professor Severino Antinori, al centro delle polemiche per aver consentito per la prima volta in Italia una fecondazione eterologa. I Nas dei carabinieri, su indicazione del ministero della Salute, hanno svolto una serie di indagini e acquisito dei documenti. “In più – dice Antinori – avrebbero voluto portarmi in caserma per ulteriori accertamenti, ma io mi sono rifiutato. Le cartelle cliniche non le darò a nessuno, se non sotto esplicita richiesta di un magistrato”  di Fabio Abati

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Premio Alpi, selezionati i finalisti. La premiazione il 6 settembre

next
Articolo Successivo

Malaysia Airlines, Mogherini: “Russia usi la propria influenza per garantire inchiesta”

next