I jihadisti dello Stato islamico dell’Iraq e del Levante (Isil) hanno ucciso venerdì 270 membri delle forze di difesa nazionale, una milizia filogovernativa, negli scontri per il controllo del giacimento di gas di al-Shàer, nella provincia siriana di Homs. La notizia arriva dall’Osservatorio siriano dei diritti dell’uomo, ong con base a Londra, che aveva parlato di 90 morti. In un video pervenuto all’Osservatorio si vedono i cadaveri di decine di persone, principalmente guardiani del sito e personale delle forze di difesa, oltre a un combattente che parla in arabo e in tedesco e dice: “Questo è per il mio Signore”.

Rami Abdel Rahmane, il direttore dell’Osservatorio, ha spiegato che la maggior parte delle vittime è stata sequestrata e uccisa con esecuzioni sommarieSempre secondo quanto riporta l’organizzazione, la controffensiva delle forze del regime di Bashar al Assad, che pochi giorni fa ha rinnovato per la terza volta il suo mandato, ha  provocato la morte di almeno 40 combattenti  dello Stato islamico.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Gaza: le vittime, i carnefici e il fantasma europeo

prev
Articolo Successivo

Malaysia Airlines, Russia modifica Wikipedia: “Aereo abbattuto da ucraini”

next