Un 36enne romano è stato accoltellato oggi a Napoli, nei pressi della stazione centrale di Piazza Garibaldi. Soccorso immediatamente, è stato trasportato nell’ospedale Loreto Mare e dimesso dopo due ore: secondo il personale medico, per lui solo ferite lievi all’anca e alla coscia sinistra. La prognosi è di 5 giorni. Secondo le prime ricostruzioni (non confermate però dalla Questura del capoluogo partenopeo) il giovane romano ai medici avrebbe riferito alcune parole dell’aggressore: “Questo è per Ciro”. La frase collegherebbe il gesto alle tensioni tra tifoserie del Napoli e della Roma dopo quanto accaduto il 3 maggio prima della finale di Coppa Italia tra la squadra di De Laurentiis e la Fiorentina, quando il tifoso napoletano Ciro Esposito venne ferito da un colpo di pistola. Il ragazzo è morto dopo oltre un mese e mezzo e da allora i rapporti tra ultras del Napoli e della Roma sono diventati quanto mai difficili. La polizia, però, non conferma il collegamento tra quanto accaduto a Roma e il ferimento odierno. Il 36enne, infatti, è stato dimesso, si è allontanato senza sporgere alcuna denuncia e quindi occorrerà rintracciarlo e verbalizzare la sua versione, prima di procedere ad ulteriori riscontri.

Accoltellamento e movente ultras: non è la prima volta che succede a Napoli in queste ultime settimane. Dieci giorni fa, infatti, il venticinquenne tifoso giallorosso Federico Sartucci (che lavora a Napoli come aiuto cuoco in un noto hotel) è stato accoltellato nella notte tra le vie del centro storico. Anche in questo caso l’ipotesi sul movente ‘ultras’ della vicenda è stata presa con cautela. Ma mai smentita, al pari di quanto accaduto oggi. “Mi auguro che il ragazzo ferito possa presto rimettersi e la città di Napoli possa presto tornare città dell’accoglienza nei confronti di tutti, nessuno escluso” ha detto oggi Giuseppe Esposito, senatore del Nuovo Centrodestra e vicepresidente del Copasir, il Comitato Parlamentare per la Sicurezza della Repubblica.  Quale che sia la spiegazione dei singoli casi, la tensione successiva alla morte di Ciro Esposito è un elemento di forte preoccupazione. Non solo in vista dei prossimi match tra Roma e Napoli, ma anche nel timore di agguati e ritorsioni che potrebbero partire sia dal mondo ‘organizzato’ degli ultras, sia da quello, ancora più arduo da monitorare, dei ‘cani sciolti’ armati di pistola o di coltello.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rifiuti a Roma: il tweet, la difesa, la polemica e poi tanti cari saluti

next
Articolo Successivo

Castel Volturno: la guerra dei poveri

next