Duri attacchi alle riforme targate Renzi e all’impianto dell’Italicum durante la conferenza indetta dai senatori dei Popolari per l’Italia, Mario Mauro e Tito Di Maggio per protestare contro la mancata convocazione della Giunta per il Regolamento da parte del presidente del Senato, Pietro Grasso, sulla vicenda “dell’estrommissione e non della sostituzione” – precisano i due senatori – dalla Commissione Affari Costituzionali dell’ex ministro della Difesa per opera del governo. “Non vorrei – ha detto Di Maggio – che il presidente del Senato insieme alla presidente della prima Commissione e ai gruppi di maggioranza abbiano deciso di fare un attentato alla Costituzione. C’è un problema di libertà e democrazia”. E ancora: “Stiamo per fare riforme costituzionali molto importanti – ha aggiunto l’ex ministro della Difesa – ma le riforme che chiede l’Europa sono sulla competitività, sul lavoro, sulla giustizia civile, non quella sul Senato“. “Renzi – dice invece Di Maggio – ci accusa di essere palude, signor no, sabotatori o frenatori. Ma io sono alla mia prima legislatura e chiedo: quando è lui a fare gli accordi con Verdini, cosa è Renzi? Sabbie mobili?”. Il senatore ricorda anche che in altri tempi si denunciavano le “leggi ad personam e che ora si sta facendo la Costituzione ad partitum, dando al capo del governo il potere di eleggere il capo dello Stato e la Consulta. Dove sono i sindacati e la pubblica opinione, mentre accadono queste cose che sono gravi?  di Manolo Lanaro

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Moby Prince, M5s all’attacco del Pd: “Basta temporeggiare, subito la commissione”

next
Articolo Successivo

Livorno, nella giunta Nogarin solo due assessori M5s. “Arrivati 642 curriculum”

next