“Se ne è andato Giorgio. Quello sbagliato. #Faletti”. A scriverlo su Twitter è stata la responsabile web a Montecitorio per il Movimento 5 stelle Debora Billi mentre sui social network gli utenti ricordavano l’attore e scrittore scomparso nelle scorse ore. Il riferimento al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha provocato numerose proteste online, tanto che la blogger dopo qualche ora si è scusata: “Le battute infelici scappano”, ha scritto, “speriamo stavolta siano scappate per sempre. Desidero scusarmi personalmente con il presidente per l’accaduto, augurandogli naturalmente una vita lunga e serena, e con il Movimento 5 stelle a cui ho creato imbarazzo. Non accadrà più”. La “giornalista, blogger, estremista, mamma. Responsabile Web M5S Montecitorio”, come si definisce sul suo profilo Billi (fino al 2013 blogger anche de ilfattoquotidiano.it), nonostante gli attacchi, non ha rimosso il messaggio, ma ne ha scritto uno in cui fa una sorta di autocritica (“Così imparo a rubare le battute”) e un altro in cui scrive: “Madre miserabile” “bestia” “schifosa”… Ahem si, sono io la maleducata”.

Il tweet ha scatenato le reazioni di quasi tutte le parti politiche. “Usare la scomparsa di Faletti”, ha scritto sempre su Twitter Stefano Bonaccini, responsabile enti locali della segreteria nazionale Pd, “per dolersi della mancata scomparsa del Presidente Napolitano. Indecente. Senza vergogna”. Tra i democratici attacco anche da Dario Ginefra: “Strumentalizzare la morte di Faletti per augurarsi della scomparsa del presidente della Repubblica è nauseante. L’intero gruppo parlamentare M5S si dissoci”.

Provo ribrezzo”, ha commentato invece Giuseppe Esposito del Nuovo Centrodestra, “e disgusto per la pessima e incivile dichiarazione di Debora Billi. Non è mia intenzione criminalizzare il Movimento 5 Stelle. Eppure non è possibile rilevare che, a partire da Beppe Grillo, assistiamo ad una escalation di insulti da parte di questo movimento politico che si fa sempre più indecente e intollerabile”. Esposito ha chiesto poi l’allontanamento della responsabile web: “I grillini chiedono impeachment e dimissioni per tutti, se usassero coerentemente ugual misura nei confronti dei propri iscritti, Billi dovrebbe essere allontanata”. Critico anche il deputato di Forza Italia Daniele Capezzone: “Il post grillino che di fatto augura la morte di Napolitano mostra il livello del dibattito in Italia. La polemica brutale ad hominem scaccia la polemica (necessaria) sulle cose. E lo dice chi rivolge critiche e accuse politiche gravissime a Napolitano”. Duro anche il segretario nazionale de La Destra Francesco Storace: “Voglio polemizzare con Napolitano senza rischiare di dover andare in carcere. Augurargli la morte è da grillino infame”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Italicum, nel Pd cresce la fronda pro preferenze: “Non può decidere Berlusconi”

prev
Articolo Successivo

Berlusconi, Ruby, Mediaset e un partito a pezzi: il punto più basso del regno di Arcore

next