Cinque minuti da incubo. E’ quanto basta al Messico per salutare il Mondiale quando sembrava ormai avviato in carrozza verso i quarti di finale. E invece l’Olanda ha il veleno nella coda. Sneijder punge immobilizzando Ochoa, destinato a diventare eroe di giornata, e la serpentina di Robben è fermata fallosamente da Marquez, anche lui monumentale per l’intera gara: rigore e morso letale di Jan Klaas Huntelaar. Tutto tra l’87esimo e il quarto minuto di recupero. Finisce così l’avventura di un Messico guerriero che aveva domato l’Olanda in lungo e in largo, facendo ballare i teneri difensori oranje e riuscendo ad anestetizzare la fantasia del trio offensivo per (quasi) tutto il match.

Nel mezzo, a centrocampo, c’è quella che senza l’uno-due nel finale sarebbe stata la chiave della qualificazione per El Tricolor: grande mole di gioco (e qualità) di Guardado e Herrera, favoriti anche dall’infortunio di De Jong dopo appena 9 minuti, e perenne corsa di Layun e Aguilar sugli esterni. Così l’Olanda si è ritrovata spaccata fin dall’alba del match, soffrendo gli arrembaggi dei messicani. Quattro tiri in porta a zero dopo mezz’ora e prima limpida occasione per gli uomini di Van Gaal quando si è già al tramonto del primo tempo, che passerà alla storia perché per la prima volta viene utilizzato il time out anti-afa.

Non è la solita Olanda. Prendi l’assenza del frangiflutti De Jong, aggiungici la scelta di Van Gaal di tenere fuori Depay e lo sterile palleggio di Sneijder: così i tulipani appassiscono al sole cocente di Fortaleza. Mentre il Messico, prova e riprova, alla fine passa. Senza il bum-bum negli ultimi 6 minuti il Mondiale avrebbe avuto l’identikit del killer: mancino, under 25, numero 10 sulle spalle, gran controllo di palla tra difensori e tiro mortifero dalla distanza. Risponde a questi parametri tecnici e anagrafici Giovani Dos Santos che accende i sogni messicani al 49’. E sono gli stessi di James Rodriguez, che in maniera simile (ancora più spettacolare, a dire la verità) aveva aperto alla Colombia la strada verso i quarti. E invece no.

Perché l’Olanda è la squadra che nelle tre partite del girone ha segnato 8 gol su 10 nel secondo tempo. Bisogna stringere i denti. O avere Ochoa tra i pali. Il portiere già protagonista di una prestazione extralusso contro il Brasile compie un miracolo sul neoentrato Depay, anche grazie al palo. Poi è salvato da una deviazione su una sventola di Sneijder. Insomma, l’Olanda si sveglia sull’orlo del precipizio. Van Gaal cambia l’acqua al suo mazzo di tulipani, mette Kuyt a fare il quarto di difesa, chiede a Depay di mulinare le gambe alto a sinistra e rinfresca le idee a Sneijder. E gli Oranje si schiudono in tutta loro bellezza. Che passa, ovviamente, per i piedi di Robben. Il fenomeno del Bayern al 73’ trova ancora il muro Ochoa a negargli il pareggio dopo una fuga sulla sinistra. Ma è questione di tempo. Il Messico si sgretola, lascia troppo spazio tra le linee e abbassa il baricentro facendo il gioco degli avversari per i quali gli spazi sono ossigeno che scatena fantasia. Sembra comunque fatta, ma a due minuti dalla fine il missile di Sneijder è la redenzione dopo una partita anonima. Poi l’ennesimo movimento da funambolo di Arjen e il rigore trasformato da Huntelaar, subentrato a Van Persie per cercare una torre centrale nell’ultimo quarto d’ora. Fortaleza sembrava un inferno. Ma quando hai due fuoriclasse come Robben e Sneijder bastano sei minuti per ritrovarti in paradiso. Buonanotte, Messico.

Lo speciale mondiali de ilfattoquotidiano.it

 Twitter: @AndreaTundo1

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ottavi di finale mondiali 2014, rissa nel tunnel durante Brasile-Cile. Indagine Fifa

next
Articolo Successivo

Boateng accusa la Federazione ghanese: “Cacciato dai Mondiali per motivi politici”

next