Con l’Italia, anche il Giappone di Zaccheroni e la Russia di Fabio Capello vengono eliminati nella prima fase dei Mondiali 2014 in Brasile. Per i russi decisivi i pareggi con Corea del Sud e Algeria e la sconfitta col Belgio. Nonostante la spedizione fallimentare Capello ha detto: “Finchè mi vogliono, resterò”. L’ex allenatore del Milan è riuscito a riportare la Russia al Mondiale dopo due edizioni di assenza e per questo ha ricevuto un prolungamento contrattuale fino alla rassegna 2018 che si giocherà proprio in Russia.

Il ct rigetta le ipotesi di dimissioni, anzi, rilancia: “Con questa squadra siamo arrivati al Mondiale per la prima volta in 12 anni. Penso di aver fatto un buon lavoro finora ed è un peccato che non siamo riusciti a raggiungere gli ottavi”. Salvo repentini cambi di idea della Federazione, Fabio Capello resterà quindi alla guida della Russia per preparare il prossimo impegno che è Euro 2016.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mondiali 2014: Messi escluso dalla top 10 della Fifa

prev
Articolo Successivo

Brasile 2014, l’argentino Higuain: “Barcellona? Penso solo al Mondiale”

next