Il made in Italy rialza la testa: nel primo trimestre dell’anno le esportazioni sono cresciute, su base annua, dell’1,5%. Il dato complessivo, comunicato dall’Istat, maschera però dinamiche molto diverse – e inattese – nelle varie zone del Paese. Il Sud, per una volta, incassa un record positivo mettendo a segno +5,6%. Seguono, nella classifica dell’incremento dell’export, il Nord Est con un +4,5% e il Nord Ovest, che registra un +1,7%. In controtendenza il Centro, con un -0,9%, ma soprattutto le isole, che vedono le vendite fuori dai confini nazionali crollare del 16,5%. 

Puglia e Marche in testa alla classifica. Male Sicilia e Sardegna – Tra le regioni che forniscono i contributi più rilevanti alla crescita dell’export nazionale si segnalano Puglia (+18,1%), Marche (+10,5%), Emilia-Romagna (+5,9%), Piemonte (+6,9%) e Veneto (+2,7%). In frenata, invece, le esportazioni di Sicilia (-15,6%) e Sardegna (-18,1%) ma anche quelle della Toscana (-4,6%). Per quanto riguarda le province, quelle che contribuiscono in misura più significativa a sostenere le vendite sui mercati esteri sono Torino, Taranto, Bergamo, Massa Carrara e Brescia. Al contrario Milano, Arezzo, Cagliari, Siracusa e La Spezia hanno dato un apporto negativo. Circa il 60% dell’incremento delle vendite all’estero deriva comunque, precisa l’Istat, dalle esportazioni di autoveicoli dal Piemonte, metalli e prodotti in metallo dalla Puglia e articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici dalle Marche.

Tra 2010 e 2013 l’export italiano è salito come quello della Germania – Un’analisi diffusa sempre mercoledì dalla società di ricerca Nomisma sottolinea che negli ultimi anni la dinamica dell’export italiano è stata complessivamente positiva e “ha contribuito a fornire un parziale sostegno al Pil nel corso dell’ultima recessione”. Il documento, firmato dal capo economista Sergio de Nardis con il ricercatore Federico Fontolan, sottolinea poi che a partire dal 2010 le nostre esportazioni sono cresciute in linea con quelle della Germania: “In rapporto al commercio mondiale la quota delle esportazioni dei due paesi si è mossa allo stesso moto”.  

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ocse, in Italia attività economica in accelerazione. Crescita stabile nell’eurozona

prev
Articolo Successivo

Alitalia, Lupi: “Da Etihad investimenti per 1,25 miliardi entro il 2018. Gli esuberi sono 2.251”

next