Fuori dagli Uffizi prospera la speculazione sui turisti: sono tante le società che comprano in massa i biglietti d’ingresso dalla Civita per poi rivenderli a prezzi maggiorati. E, mentre all’esterno si formano code chilometriche, dentro le sale del museo i turisti vengono stipati all’inverosimile, con gli impianti di climatizzazione che fanno le bizze. Una guida ammette: “Un crocifisso di Signorelli si è imbarcato, e si è danneggiato anche un Perugino: se le opere fossero state conservate nel passato, come lo sono oggi, non ci sarebbero arrivate”. Ma è davvero a rischio il tesoro degli Uffizi? L’inchiesta di Andrea Casadio

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Immigrazione, Kyenge: “Potenziare l’operazione Mare Nostrum”

next
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, Santoro: “Il 1 maggio è la festa di chi crede che la vita cambierà”

next