Fuori dagli Uffizi prospera la speculazione sui turisti: sono tante le società che comprano in massa i biglietti d’ingresso dalla Civita per poi rivenderli a prezzi maggiorati. E, mentre all’esterno si formano code chilometriche, dentro le sale del museo i turisti vengono stipati all’inverosimile, con gli impianti di climatizzazione che fanno le bizze. Una guida ammette: “Un crocifisso di Signorelli si è imbarcato, e si è danneggiato anche un Perugino: se le opere fossero state conservate nel passato, come lo sono oggi, non ci sarebbero arrivate”. Ma è davvero a rischio il tesoro degli Uffizi? L’inchiesta di Andrea Casadio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Elezioni 2014, sindaco Sauze D’Oulx condannato. Ma va verso la riconferma

prev
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, Santoro: “Il 1 maggio è la festa di chi crede che la vita cambierà”

next