”È ancora tutto da provare”. Il genetista Giuseppe Novelli, presidente della commissione istituita dalla Regione Lazio che indaga sul presunto scambio di embrioni all’ospedale Pertini di Roma, frena e ipotizza che ci possa essere stato solo uno scambio di referti quando la donna si è sottoposta alle analisi di tipo genetico per avere conferma sulla salute dei gemelli che aspetta. Durante queste indagini è infatti emersa l’incompatibilità fra il profilo genetico della madre e quello dei bambini, motivo per il quale, racconta Novelli, la donna ha poi presentato un “esposto cautelativo” alla Asl e non una denuncia.

Novelli (foto dal profilo Twitter) ha anche assicurato che “i protocolli sono molto rigidi. Tenderei ad escludere poi – ha detto all’Ansa – che ci possano essere stati problemi anche per altre coppie. Vorrei che arrivasse un messaggio rassicurante perché nei centri si lavora in modo serio con protocolli internazionali. La vicenda è scoppiata prima del previsto – racconta ancora Novelli – e per lunedì non ci sarà alcun risultato delle indagini che dobbiamo fare. Ancora non abbiamo neppure il referto in possesso della donna”.

La commissione “presieduta da De Luca, il ginecologo Massimo Moscarini, Alberto Spanò per la parte diagnostica e da un rappresentante legale della Regione e da me che sono appunto un genetista – ha concluso Novelli – si incontrerà quindi per la prima voltà lunedì prossimo nel pomeriggio all’ospedale Pertini per acquisire la documentazione. Dobbiamo analizzare con serietà tutto il percorso e verificare il rispetto delle procedure. Ma ci vorranno altre analisi successive per le quali serviranno comunque alcune settimane. Lavoreremo con trasparenza”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Papa Francesco sulla pedofilia: “Dio è dalla parte delle vittime degli abusi”

next
Articolo Successivo

Scambio di embrioni: nonostante il dolore la mamma resta chi partorisce il bambino

next