Ha estratto la mannaia dal giubbotto e ha iniziato a colpire il rivale nel mezzanino della stazione Centrale di Milano. L’aggressione è avvenuta la sera del 4 febbraio ed è stata immortalata dalle telecamere di sicurezza. Gli agenti della Polfer sono immediatamente intervenuti e hanno arrestato un algerino di 31 anni per il tentato omicidio di un tunisino di 39, colpito al braccio e al volto con una mannaia di 30 centimetri. L’uomo è stato medicato all’ospedale Niguarda con oltre 50 punti di sutura soltanto sul viso, una volta medicato è stato denunciato perché clandestino. Ancora non sono stati stabiliti i motivi dell’accoltellamento.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

‘Ndrangheta, Buccinasco si ribella e scrive a Cancellieri: “Via Rocco Barbaro da qui”

next
Articolo Successivo

Immigrati, Lampedusa candidata al premio Nobel per la Pace

next